DIGITALIZZAZIONE: aumentare i ricavi offrendo servizi digitali

costruttori macchinari industriali

Ecco 4 opportunità per i costruttori di macchine. Nei prossimi 5 anni si prevede che almeno il 20% delle entrate dei costruttori di macchine deriverà dai servizi digitali

IXON si propone di aiutare i costruttori di macchine a raggiungere questo obiettivo, non solo per agevolare il passaggio a nuovi modelli di business, ma anche fornendo idee concrete che richiedono un investimento ridotto e offrono un rapido ritorno dell’investimento (ROI).

In questo articolo parleremo delle sfide che devono affrontare i costruttori di macchine e introdurremo le nuove opportunità di business che potranno consentire agli OEM di generare risparmi e ricavi usando con intelligenza i dati raccolti dalle macchine.

Le sfide che aspettano i costruttori di macchine

La maggior parte degli OEM è focalizzato sulle esigenze dei clienti e non pensa tanto a come creare la strada per il proprio successo.

Per produrre macchine a costi ottimizzati bisogna stabilire da dove partire e dove dirigersi.

Esplorare le possibilità digitali per ottimizzare le macchine senza dover affrontare enormi investimenti può essere difficoltoso.

La mancanza di conoscenze, il sovraccarico di tecnologia digitale e potenziali rischi per la sicurezza durante il ciclo di vita della macchina complicano ulteriormente il tutto.

Il che ci riporta alla domanda principale: come è possibile ottenere un profitto del 20% dai servizi digitali entro 5 anni con un modello di business che possa offrire vantaggi all’OEM e ai suoi clienti? Quale tipo di cliente è disposto a pagare per questo?

Nuovo potenziale di fatturato

Per guadagnare offrendo servizi digitali occorre partire da un cambio di mentalità. Uno sguardo critico sui servizi esistenti e un confronto con i clienti può aprire la strada a nuove opportunità.

Ci occuperemo delle diverse opportunità di business in base ai diversi tipi di macchine che ci sono in una linea di produzione.

Sono tutte idee data-driven che possono portare a una nuova crescita dei ricavi o a un risparmio di costi.

  1. Entrate ricorrenti puntando sulle parti consumabili
  2. Servizio di monitoraggio sulle parti soggette a usura
  3. Utilizzare il machine-learning per risparmiare sui componenti
  4. Contratti per il monitoraggio predittivo

Opportunità di flussi di guadagno per i costruttori di macchine 

1) Entrate ricorrenti puntando sulle parti consumabili

Utilizzare parti consumabili fuori specifica può essere una delle principali cause di inattività della macchina. Quando questi componenti vengono invece ottimizzati per le tue macchine e tenuti in magazzino, il tempo di attività delle macchine migliora.

Quindi perché non fornire direttamente al cliente le parti consumabili? O meglio ancora perché non pensare di spostare i guadagni proprio sui consumabili? Certo, non tutte le macchine offrono questa possibilità, ma vale la pena di considerare se questo aspetto si possa adattare alle tue macchine.

Nell’industria della stampa e dell’imballaggio vi sono molti esempi su come questa strategia sia stata applicata con successo. Inviare i beni di consumo al tuo cliente prima ancora che sappia di averne bisogno vuol dire alleggerirlo di una potenziale preoccupazione. È una situazione win-win, che porta a un’operatività aumentata e a entrate ricorrenti per il costruttore di macchine.

2) Servizio di monitoraggio sulle parti soggette a usura

Certe parti di macchina hanno un ciclo di vita definito e a un certo punto saranno soggette a usura. L’inattività non pianificata provocata da parti di macchina usurate offre un’esperienza negativa per il cliente e genera un aumento dei costi. Basti pensare all’automobile: meglio essere avvisati della necessità di manutenzione piuttosto che subire una improvvisa rottura.

I costruttori di macchine possono usare dati della macchina per determinare quando le parti soggette a usura sono alla fine del loro ciclo. Possono offrire questo nuovo servizio notificando al cliente in anticipo, con un piccolo sovrapprezzo che permetterà però al cliente di prevenire un fermo della produzione. Il risultato per l’OEM sarà un aumento delle vendite di parti di ricambio, contratti di assistenza e un miglioramento della soddisfazione del cliente.

3) Utilizzare il “machine learning” per risparmiare sui componenti

Implementare soluzioni di machine learning è difficile e impegnativo, specialmente per i piccoli costruttori di macchine. La maggior parte dei costruttori di macchine si concentra su come aver software di macchina che funzionano bene con pochi bug e un sistema operativo stabile. Cambiare software è fuori discussione e usare algoritmi ad apprendimento automatico e intelligenza artificiale è vista come una possibilità solo per un futuro lontano.

Quando però si progettano nuove macchine si tiene conto di determinati margini sulla sicurezza, a volte anche eccessivi, per essere sicuri di non incorrere in guasti. Se però queste parti non si guastassero mai, sarebbe possibile ridurre tolleranze e costi. Come? Mentre tutti studiano le parti malriuscite e analizzano le cause dei guasti, raramente ci si concentra sulle parti che invece non si guastano perché sono state ben progettate.

Raccogliendo e analizzando i dati delle parti ben riuscite si può ri-progettare ciò che è ha avuto successo, riducendo notevolmente i costi. E la competenza acquisita sarà di aiuto nella fase di progettazione su parti future e sulle macchine e per ottimizzare quelle di nuova generazione in modo da ottenere un vantaggio in termini di competitività.

4) Contratti per il monitoraggio predittivo

Nelle macchine ci sono alcune parti critiche che hanno un ciclo di vita di produzione e progettazione a lungo termine; eppure queste parti si guastano durante la vita della macchina.

La rottura di parti critiche porta a lunghi periodi di inattività dal momento che molte aziende non hanno a magazzino queste parti critiche. Tutto questo può avere un impatto importante in termini di processo di produzione e per i clienti significa aumento dei costi.

Analizzando i dati di parti guaste e di parti vicine alla fine del loro ciclo di vita può essere potenzialmente combinato con la data science per trarne informazioni preziose.

Dei Service Engineer esperti possono riconoscere se una macchina funziona bene o no semplicemente ascoltando la macchina o sentendo le vibrazioni e identificandone la causa.

Monitorare i dati giusti e confrontarli con i modelli noti può consentire di offrire un servizio di assistenza 24 ore, 7 giorni su sette e 365 giorni l’anno su ogni macchina. Sarà possibile sapere che un guasto si verificherà prima che succeda realmente.

Sostituire parti e fare assistenza prima della rottura in un momento in cui l’impatto sulla produzione è limitato può aumentare il livello (e i ricavi) dei contratti di assistenza offerti.

Ecosistema digitale in impresa: la quarta rivoluzione industriale

quarta rivoluzione industriale

La quarta rivoluzione industriale è caratterizzata dall’avvento dell’ecosistema digitale: i concetti di Internet of Things (IoT) e Internet of Services (IoS) nella produzione e “nell’inventory management

Tutto ciò permette alle fabbriche di diventare “intelligenti”, con sistemi di produzione integrati verticalmente e orizzontalmente.

Il driver principale è la tecnologia, poiché Industria 4.0 è un termine collettivo per indicare proprio le tecnologie e i concetti di organizzazione della catena del valore.

L’ecosistema digitale e le piattaforme di produzione connesse e integrate svolgono un ruolo importante nell’affrontare le pressioni competitive e nello sviluppo di nuove applicazioni e servizi. In questo articolo analizziamo che cosa significa integrare un ecosistema digitale in impresa e qual è il ruolo dell’Internet of Things e dei “dati” di cui sentiamo sempre più parlare.

Ecosistema digitale: dal monitoraggio remoto al condition monitoring

Nelle prime fasi della digitalizzazione del settore industriale si parlava principalmente di sistemi di monitoraggio remoto delle macchine (RMMS): tipicamente prodotti software che, abbinati agli strumenti, consentivano di monitorare le attrezzature e i dispositivi in impianto.

L’avvento dell’Internet of Things nel settore industriale ha spinto l’adozione della raccolta di informazioni basata su sensori, per affrontare i problemi legati principalmente ai tempi di fermo macchina e ai ritardi nella produzione. In questo modo, il monitoraggio della macchina si evolve verso il monitoraggio delle condizioni (condition monitoring), che è la pratica di monitorare i dispositivi, solitamente con sensori esterni, al fine di raccogliere i dati necessari per la diagnosi sullo stato di salute. Per raggiungere questo obiettivo, vengono utilizzati sistemi di acquisizione dati per monitorare tutti i tipi di apparecchiature e dispositivi industriali.

Oggi, oltre al monitoraggio delle condizioni, si stanno sviluppando altri tipi di servizi per rispondere a necessità come la manutenzione preventiva, la misurazione dell’autonomia e dell’operatività dei sistemi, il monitoraggio dell’energia o delle prestazioni dell’impianto; di conseguenza, i responsabili dei processi hanno necessità di una maggior digitalizzazione per ricevere e interpretare tutti i dati necessari.

Ecosistema digitale: il ruolo dell’Internet of Things

La digitalizzazione della produzione collega, tramite il cosiddetto internet delle cose (IoT) persone, dispositivi di processo, macchinari e impianti. Come abbiamo già accennato, un ecosistema digitale consente una maggior disponibilità di dati legati alla produzione: la loro raccolta, archiviazione ed elaborazione fa sì che essi descrivano con precisione il contesto in cui il prodotto viene fabbricato, il processo di fabbricazione, lo stato di salute degli asset di produzione e l’intera rete del valore. L’ecosistema digitale svolge quindi un ruolo cruciale nel consentire una miglior visione dello scenario, finalizzata all’ottimizzazione della produzione da diverse prospettive quali efficienza, disponibilità, qualità del prodotto finale, prestazioni degli asset e così via.

È chiaro, quindi, come l’Internet of Things industriale influenzi ampie porzioni del processo di produzione, e in modo significativo.

La spinta verso un ecosistema produttivo digitale include però la necessità di modelli condivisi, accordi su interfacce e protocolli di comunicazione industriale, e interoperabilità dei dati.

Sensori di numerose tipologie sono già ampiamente utilizzati nell’ambiente di produzione, ma mentre il loro uso diventerà più diffuso, la capacità di connettere e trasmettere dati più velocemente e con una migliore integrità sarà il vero fattore abilitante dell’IIoT.

Ecosistema digitale: il ruolo dei dati e della loro trasmissione

I dati alimentano l’Industria 4.0 e gli ecosistemi digitali. L’analisi dei dati è il prerequisito base per l’implementazione delle applicazioni digitali in impresa.

Man mano che gli ecosistemi digitali si espandono, aumenta anche l’importanza di stabilire forti livelli di sicurezza, supportati da processi trasparenti e integrità dell’origine dei dati. Sistemi di gestione dati che garantiscano la loro integrità possono aiutare le aziende a evitare violazioni e a gestire meglio le interruzioni delle operazioni: questa è la prima preoccupazione legata alla sicurezza dei dati, secondo una ricerca di pwc.

I protocolli e i framework di connettività consentono ai responsabili d’impianto di raccogliere e trasferire dati in modo più rapido e accurato, dai sensori fino al cloud, per l’aggregazione e l’analisi. Gli esempi includono:

  • il protocollo IO-Link, introdotto dai fornitori di sensori;
  • il protocollo OPC UA, che supporta una maggiore interoperabilità e una trasmissione più sicura delle informazioni al cloud.

Ecosistema digitale in impresa: i driver dell’adozione

Di seguito sono riportati i fattori chiave per rendere gli ecosistemi digitali in impresa una realtà sempre più presente e strategica.

1. Connettività e tecnologia

I settori industriali possono generare enormi quantità di dati. La tecnologia per la loro acquisizione e analisi apre a nuove opportunità di ottimizzazione e monetizzazione.

2. Standardizzazione e sicurezza

L’industria ha bisogno di standard comuni per consentire a prodotti, macchine e apparecchiature intelligenti di diversi produttori di interagire senza problemi. Con l’uso industriale del cloud, la sicurezza rimane la principale preoccupazione da superare.

3. Produzione e competitività

L’adozione dell’internet delle cose a livello industriale può accelerare i tassi di produttività in fabbrica, riducendo i tempi di inattività non pianificati e aumentando la disponibilità degli impianti.

In conclusione, l’adozione dell’IoT industriale e degli ecosistemi digitali in impresa ha subito un’accelerazione con l’ingresso delle nuove tecnologie e lo sprint a cui l’emergenza sanitaria ha costretto l’intero settore produttivo.

Secondo un report di IHS Markit, entro il 2030 i dispositivi IoT installati supereranno i 125 miliardi. Gli ecosistemi digitali saranno sempre più fondamentali per l’interpretazione dei dati e un miglior sviluppo degli impianti industriali, nonché delle performance e della competitività aziendale.

ITAL CONTROL METERS, Oil&Gas: MISURATORI DI PORTATA SPECIALI

RHM misuratore di portata speciale

Nel settore oil&gas relativo sia al greggio che al gas naturale in ambito onshore ed offshore, sono molte le applicazioni che richiedono la misurazione delle portate dei fluidi e quindi misuratori di portata speciali

Ma soprattutto nel settore della perforazione la richiesta degli impianti è indispensabilmente mirata sia alla sicurezza che all’affidabilità in qualsiasi condizione e con poca manutenzione.

Nei pozzi di estrazione è comune l’esigenza di iniezione nel pozzo di fluidi di servizio, in particolare metanolo ma anche acqua e prodotti chimici con varie funzioni specifiche. Quello che c’è da considerare è che molto spesso le portate in gioco sono microscopiche, soprattutto per gli inibitori, quindi su tubazioni di piccolo diametro, da pochi millimetri fino tipicamente a poche decine di centimetri, inoltre molte di queste applicazioni di iniezione sono a pressione estremamente elevata, anche superiore ai 1.000 bar.

L’impianto quindi necessita di:

➤ capacità di misura per piccole portate, in condizione di elevatissime pressioni, utilizzando per i sensori materiali compatibili con fluidi chimicamente aggressivi e con certificazioni ATEX/IECex

➤ affidabilità, precisione e continuità di misura che devono essere garantite nel tempo

PER QUESTE APPLICAZIONI CRITICHE PROPONIAMO DUE SOLUZIONI TECNICHE DIFFERENTI

  • Misuratore di portata di massa ad effetto Coriolis –Rheonik Messtechnik. È uno strumento che non ha eguali per la capacità di misura di portate microscopiche, a partire anche da pochi grammi/min, con tubi di misura realizzati in moltissimi materiali anche speciali (inox, hastelloy, tantalio, duplex, super duplex, monel, inconel, HP160, ed altri ancora), versioni realizzate per funzionare anche oltre i 1.200 bar. Basato sulla misura delle forze di Coriolis questo strumento rileva in tempo reale la portata direttamente in massa del fluido che lo attraversa, indipendentemente dalle sue caratteristiche chimico-fisiche e da pressione e temperatura, fornendo prestazioni di accuratezza anche fino al +/-0,1% del valore misurato (versione “Gold Line”). Il sensore della serie RHM è fornibile in varie taglie, tutte certificate ATEX/IECex per zona 0, 1 e 2 e viene connesso ad un convertitore elettronico montabile sia in campo che anche a distanza, con display locale per la visualizzazione della portata istantanea e totalizzata e per l’interfaccia diagnostico con l’operatore che naturalmente può anche essere effettuato a distanza mediante collegamento seriale con un software dedicato.
  • Misuratore di portata ad ultrasuoni clamp-on – Flexim. Nei casi in cui le portate sono sempre molto piccole ma non microscopiche, come spesso capita ad esempio per l’iniezione di metanolo, quindi in tubazioni di diametro sopra i 6 mm, è possibile impiegare questa tecnica di misura che prevede l’installazione dei trasduttori completamente all’esterno della tubazione, quindi senza nessun contatto con il fluido in transito.
  • Questa soluzione, oltre a non avere limitazioni di pressione di esercizio, ha anche l’enorme vantaggio di garantire sempre la continuità di esercizio dell’impianto, anche durante il montaggio, lo smontaggio o qualsiasi operazione si voglia o debba fare sul misuratore stesso.
  • Anche questo strumento è certificato ATEX/IECex per zona 1 oppure 2 e viene fornito con un convertitore di misura, serie F721 oppure serie F80x, da campo o anche remoto provvisto di display locale e di ogni funzionalità addizionale, oltre che di datalogger a bordo ed interfaccia seriale con diversi protocolli di comunicazione a scelta.
  • Le prestazioni in termini di incertezza di misura sono tipicamente entro +/-1% del valore misurato con ripetibilità entro +/-0,15%.

Trasmettitore di livello a barra di torsione di Terranova Instruments

trasmettitore misura livello torsione del tubo

TERRANOVA INSTRUMENTS presenta il trasmettitore di livello a barra di torsione SST70, semplice e funzionale

Terranova Instruments presenta il trasmettitore di livello di torsione a barra SST70, vero esempio di ingegneria meccanica, 100% italiana, assolutamente adatto a misurare il livello anche in condizioni estreme.

Il trasmettitore di livello a barra di torsione SST70 è lo strumento giusto per risolvere problematiche di misura in modo semplice e funzionale.

Temperature elevate, vibrazioni e fluidi aggressivi non sono più un problema per questo strumento che è la punta di diamante della famiglia di prodotti di  TERRANOVA-INSTRUMENTS.

Il suo principio di funzionamento è molto semplice: un dislocatore è appeso a un’asta ed è collegato a una barra di torsione. La coppia è trasmessa meccanicamente ad un piccolo albero che veicola la forza peso del dislocatore ad un sensore di pressione piezoresistivo all’interno della custodia.

Ora entra in gioco il principio di Archimede: quando il liquido riempie il serbatoio, il dislocatore sente la spinta di galleggiamento verso l’alto del fluido, pertanto la testa elettronica rileva che il serbatoio si sta riempiendo.

Una buona meccanica non è completa senza una buona elettronica: lo strumento permette di misurare livello, densità e interfaccia per fluidi con densità da 0,1 a 1,42 Kg/l.

Sono disponibili impostazioni Zero e Span oltre alla funzione DAMPING per prevenire i disturbi dovuti a vibrazioni o alle onde all’interno del serbatoio.

I materiali della camera spaziano dall’acciaio, al carbonio, al Superduplex ovviamente completi di tutti i test di cui hai bisogno, per ogni tipo di ambiente gravoso: NACE MR0175, HIC, SSC, INTERNAL COATING, PWHT e non solo!

L’Hydrotesting e i materiali sono selezionati secondo la Direttiva per Apparecchiature in Pressione 2014/68/UE con saldatura secondo EN ISO 15614-1 + A2.

Ultima novità: è ora disponibile la doppia certificazione “Ex db e ia”.

Per maggiori informazioni potete visitare il sito www.terranova-instruments.com

COACHING FOR MANAGER 31 MAGGIO ALLE 10.30

Si terrà il 31 maggio 2021, dalle 10.30 alle 11.30, on line, l’Evento Webinar “COACHING FOR MANAGER – PROGETTO INDUSTRIA 2021”

Si tratta di un percorso di un ora dedicato alla figura professionale del Manager, sia esso deputato alle vendite, all’organizzazione, alla direzione generale, oppure AD, CEO, CDO, sia nella grande che piccola o media impresa.

Un ora intensa e intrisa di preziosi consigli e di supporto per manifestare, ottimizzare e sviluppare al meglio le proprie capacità, risorse competenze.

Per consigliarvi su come creare valore aggiunto alla Vostra figura professionale, al vostro lavoro quotidiano, senza dimenticare l’aspetto umano, perchè il Vostro lavoro è fatto soprattutto di rapporti con superiori e/o collaboratori.

Inoltre, pillole di resilienza e problem solving, e suggerimenti sulla gestione del lavoro agile

L’iscrizione è a pagamento.

Per iscriverti e per conoscere il costo e il programma dettagliato, invia la tua richiesta di iscrizione con tutti i tuoi dati a: info@progettoindustria.com.

#coaching #marketing #branding #digitalmarketing #sales #success #salesmanagement #topmanagement #skills #competenze #risorse #smartworking

ZEROEMISSION dal 23 al 24 giugno 2021 a Piacenza Expo

Zeroemission

L’appuntamento fieristico nazionale Zeroemission, dedicato alla produzione elettrica, all’accumulo e alla mobilità a zero emissioni

ZEROEMISSION 2021 in precedenza programmato dal 5 al 6 maggio 2021, viene confermato nelle date del 23 e 24 giugno, per garantire a tutti gli operatori di poter sviluppare al meglio il proprio business e nel rispetto delle norme anti-Covid.

Le Associazioni di settore che supportano l’evento e il Comitato Scientifico di Zeroemission  sono già al lavoro per l’organizzazione del programma di incontri e conferenze di altissimo livello che completeranno la Fiera.

In totale sicurezza a Piacenza Expo sono attesi circa 10.000 operatori del settore, che hanno espresso la necessità di poter partecipare finalmente ad un evento in presenza per lo sviluppo di collaborazioni commerciali e di aggiornamento professionale.

Il team commerciale e organizzativo di ZEROEMISSION 2021 è quindi pienamente operativo per proseguire con lo sviluppo del progetto che, ricordiamo, si articolerà nei seguenti saloni tematici: SOLAR+ 2021 (dedicato alla filiera industriale della produzione di elettricità dal sole), INVERTER WORLD 2021 (dedicato alla filiera industriale degli inverter, ups e eps), BATTERY WORLD 2021 (dedicato alla filiera industriale delle batterie e dei sistemi di accumulo elettrochimici), EV WORLD 2021 (dedicato alla filiera industriale dei veicoli elettrici e delle infrastrutture per la mobilità elettrica) e HYDROGEN & FUEL CELLS 2021 (dedicato alla filiera industriale dell’idrogeno da fonti rinnovabili e delle celle a combustibile).

REFRIGERA 2021, manifestazione dedicata al mondo della refrigerazione

Refrigerazione industriale

REFRIGERA 2021 – spostata dal 3 al 5 novembre 2021, assicurando a tutti gli operatori di poter sviluppare al meglio il proprio business nel settore della refrigerazione

Le Associazioni di settore che supportano l’evento e il settore della refrigerazione, e il Comitato Scientifico sono già al lavoro per l’organizzazione del programma di incontri e conferenze di altissimo livello che completeranno la Fiera.

In totale sicurezza a Fiera di Bologna sono attesi oltre 10.000 operatori del settore refrigerazione, che hanno espresso la necessità di poter partecipare finalmente ad un evento in presenza per lo sviluppo di collaborazioni commerciali e di aggiornamento professionale del comparto della refrigerazione.

Gli organizzatori sono riusciti a confermare l’utilizzo del nuovissimo, moderno ed efficiente spazio espositivo del Pad. 37, appena edificato.

Il team commerciale e organizzativo di REFRIGERA 2021 è quindi pienamente operativo per proseguire con lo sviluppo del progetto che è  organizzato da A151 Srl in collaborazione con ASSOFRIGORISTI – Associazione Italiana Frigoristi, ATF – Associazione Tecnici del Freddo, CENTRO STUDI GALILEO, OITA – Osservatorio Interdisciplinare Trasporto Alimenti, AREA – European Association of Refrigeration, Air Conditioning and Heat Pump Contractors, ASERCOM – Association of European Refrigeration Component Manufacturers.

Con REFRIGERA 2021 l’Italia si riconferma leader della refrigerazione industriale, commerciale e logistica e si dà appuntamento a Bologna Fiere a novembre prossimo.

 

Concluso ieri l’evento digitale Progetto Industria 2021 – Automazione, Processo, Digitalizzazione

evento digitale progetto industria

Si è tenuto ieri l’Evento Digitale “Progetto Industria 2021 – Automazione, Processo e Digitalizzazione, settore chimica e farmaceutica”

Siamo sempre in prima linea quando si tratta del settore chimica-farmaceutico, il portale www.progettoindustria.com infatti ha organizzato e tenuto ieri l’Evento Digitale “Progetto Industria 2021 – Automazione, Processo e Digitalizzazione, settore chimica e farmaceutica”.

Gli interventi come sempre sono stati importanti contributi, utili e significativi portati da diversi esperti del settore e soprattutto dalle aziende VEGA Italia – https://www.vega.com/it-it https://www.vega.com/it-it TERRANOVA INSTRUMENTS https://www.terranova-instruments.com/ che hanno sponsorizzato l’Evento.

Hanno poi partecipato poi il Prof. Ferruccio Trifirò, Direttore della rivista La Chimica&L’Industria, che è organo ufficiale della SCI – Società Chimica Italiana – e Professore Emerito del Dipartimento Chimica Università di Bologna.

Il suo intervento specifico, dopo una breve introduzione all’inizio dei lavori, è stato relativo ad una panoramica sull’evoluzione dell’industria 4.0 nel settore chimico e petrolchimico, con particolare riferimento alle nuove parole che la digitalizzazione oggi impone, e alla loro funzione e significato nel processo industriale chimico. Per concludere, si è poi soffermato sull’esperienza diretta di BASF https://www.basf.com/it/it.html, azienda importante del comparto.

Mentre il Prof. Fabrizio Connicella, General Manager di OpenZone SpA e Zcube srl del gruppo ZAMBON FARMACEUTICA, ha raccontato la Sua interessante esperienza nella Digitalizzazione e Automazione nel Processo del settore Farmaceutico.

VEGA ITALIA ha presentato dal vivo la tecnologia di misura di livello radar per l’industria chimica grazie all’intervento della Dr. ssa Alessia Sanfilippo – Lead Generation Specialist e del Dr.  Alessio Cannizzo – Technical Inside Sales, che hanno saputo spiegare con naturalezza e semplicità funzionalità e potenzialità, caratteristiche peculiari e vantaggi nell’utilizzo degli strumenti VEGA Italia, mostrando proprio dal vero il processo, e quasi facendo toccare “con mano” lo strumento.

Per TERRANOVA INSTRUMENTS invece, è stato il Dr. Maurizio Petri a raccontarci l’azienda, facendo una rapida introduzione e addentrandosi poi nella specifica spiegazione, molto accurata e minuziosa dei TRASMETTITORI DI LIVELLO A BARRA DI TORSIONE, tra i prodotti punta di diamante dell’Azienda.

Per maggiori informazioni e dettagli, potete scoprire su questo stesso portale www.progettoindustria.com, tutto quello che volete sulle due aziende, sulla loro storia, i prodotti, le tecniche.

A chiusura dell’Evento on line la Dr.ssa Ilaria Bonetti – Responsabile Unit Innovazione e Progetti di Innovhub SSI, della Camera di Commercio di Milano, Monza e Lodi, ha illustrato Il Punto Impresa Digitale con tutti i Servizi per l’Automazione e Digitalizzazione a disposizione delle Piccole e Medie Imprese.

A breve, on line ci sarà il video dell’Evento e dei singoli interventi, sia sul portale www.progettoindustria.com che su www.ambientesostenibile.com e sul canale YouTube industriavideochannel.

Seguiteci sempre anche su Linkedin e sugli altri nostri profili social!

VEGA ITALIA: il nuovo sensore di livello per i liquidi

sensore Vegapuls 64

Con il suo campo dinamico di 120 dB, il sensore di livello VEGAPULS 64 effettua una misura di livello affidabile praticamente in qualsiasi tipo di liquido

Il suo ampio spettro applicativo si estende dai prodotti acquosi fino agli idrocarburi, e ancora, fino ai gas liquefatti, indipendentemente dalla costante dielettrica.

Grazie all’ottima focalizzazione del segnale, il sensore di livello garantisce la massima precisione dei risultati di misura anche in caso di impiego in impianti complessi con agitatori o installazioni interne.

Grazie agli attacchi di processo di piccole dimensioni, si presta all’impiego in serbatoi compatti. Il sensore di livello è ideale per la misura continua di livello su liquidi nell’industria chimica, farmaceutica e alimentare, nonché nel settore energetico e del trattamento delle acque.  

I benefici di VEGAPULS 64

  • Risultati di misura precisi indipendentemente dalle condizioni di processo
  • Elevata disponibilità dell’impianto, in quanto senza usura nè manutenzione
  • Funzionamento senza manutenzione grazie al metodo di misura senza contatto

Lo strumento di misura di livello radar VEGAPULS 64 fornisce valori di misura precisi e in presenza di condizioni di processo variabili

Quando si parla di tessuti con caratteristiche particolari, è molto probabile il coinvolgimento della CHT Germany GmbH. Il produttore di specialità chimiche fornisce ad esempio addensanti per colori tessili, impiegati per la stampa di tessuti.

Nello stabilimento di Dusslingen, vicino a Tubinga, si producono 50.000 tonnellate all’anno di specialità chimiche per il mercato B2B.

Una sezione composta da diversi impianti di miscelazione è destinata alla produzione di prodotti ad alta viscosità.

Ciascuno dei serbatoi è dotato di tre motori che, con una potenza che raggiunge i 160 kW e i 1000 giri al minuto, assicurano una miscelazione ottimale.

Nel corso della lavorazione, gli organi di miscelazione multilivello devono sempre essere immersi nel liquido.

In caso contrario, considerata la potenza dei motori, potrebbero crearsi vibrazioni e oscillazioni di risonanza che a lungo andare danneggerebbero l’albero o l’intero aggregato.

Ma come è possibile avere la certezza che gli organi di miscelazione siano sempre ricoperti dal liquido?

I miscelatori vengono infatti impiegati in serbatoi alti fino a otto metri e larghi due metri, in cui, oltre alle condizioni di processo, variano quotidianamente anche le caratteristiche dei prodotti, come la densità e la viscosità.

In passato, per evitare il danneggiamento dei miscelatori e l’insorgere di oscillazioni di risonanza, si procedeva con molta cautela, controllando ripetutamente il livello manualmente.

La soluzione adottata inizialmente, ovvero l’installazione di celle di pesatura sotto ai serbatoi di miscelazione, si è rivelata problematica per varie ragioni: i prodotti hanno infatti diverse densità e il serbatoio è munito di un rivestimento refrigerante/termico.

Talvolta questo è riempito solo di vapore, per cui non pesa quasi nulla. Un altro problema era costituito dal fatto che in passato i serbatoi si trovavano su un unico livello ed erano circondati da una zona Ex.

Nel frattempo i serbatoi sono collocati in un altro edificio e occupano più piani.

In caso di impiego di celle di pesatura, il serbatoio deve essere disaccoppiato meccanicamente dalle pareti.

La zona Ex si estenderebbe su diversi piani e pertanto l’intero edificio dovrebbe essere adeguato alla normativa ATEX, cosa che comporterebbe costi immensi.

La quasi totalità dei circa 6000 prodotti di CHT è realizzata su misura.

Per garantire un rifornimento puntuale dei propri clienti e soprattutto un elevato livello qualitativo, l’azienda necessita di processi produttivi estremamente razionali ed efficienti.

Pertanto si è adottata una soluzione per il controllo di processo impiegata nell’industria manifatturiera, adattandola alle specifiche esigenze dell’industria chimica.

L’obiettivo era integrare una misura di livello i cui risultati di misura si ripercuotessero direttamente sulla potenza motrice dei motori dei miscelatori. Di per sé la misura di livello non era necessaria ai fini della misura delle scorte o per il dosaggio, poiché per questo presso CHT si impiega una pesatura negativa delle materie prime richiesta per la protezione dell’impiantistica.

Lo strumento di misura di livello radar VEGAPULS 64 misura in maniera affidabile il livello negli impianti di produzione.

Il lancio del VEGAPULS 64 fu provvidenziale per l’azienda.

Lo strumento di misura di livello radar esegue la misura senza contatto e grazie alla straordinaria focalizzazione e all’elevata dinamica fornisce valori affidabili nonostante depositi, schiuma, installazioni interne e indipendentemente da oscillazioni della densità.

Nel complesso la collaborazione con VEGA è stata ottima, anche se inizialmente il servizio di assistenza di VEGA ha dovuto effettuare numerosi aggiustamenti prima di poter disporre di una misura stabile. Nel giro di due settimane lo strumento di misura di livello radar era installato. Nel frattempo fornisce valori di misura precisi, anche con i miscelatori in funzione, e i dati sono integrati nel sistema APROL.

Evento Digitale “Industria di Processo 2021 – Automazione e Digitalizzazione” – 28 Aprile 2021

evento digitale progetto industria

Il prossimo 28 Aprile 2021, alle 14.30, su piattaforma Zoom, si terrà l’Evento Digitale Progetto Industria 2021 – Industria di Processo – Automazione e Digitalizzazione

Sarà molto interessante ascoltare Aziende ed Esperti del settore che raccontano il loro approccio nell‘industria di processo in ambito chimico e petrolchimico.

Le soluzioni  tecnologiche per rendere i processi industriali sostenibili e migliorarne le performance energetiche e di produzione e controllo.

In linea con il Green Deal Europeo, la produzione industriale sarà sempre più circolare, sostenibile e efficiente. Quali sono le opportunità di business e quali in futuro. Questi tra i temi principali, oltre alla digitalizzazione e automatizzazione del settore chimico, farmaceutico e oil&gas.

I CONCEPT

processing

– engineering

– digitalizzazione del processo

– business intelligence

– adaptative manufaturing

– l’importanza digitale e tecnologica in questo settore e in questo periodo

– i nuovi modelli di business

– le nuove competenze per l’Industria 4.0

– il problem solving

– l’adeguamento alle nuove misure cautelative e nuovi parametri di lavoro (smart working)

– novità e strumenti

Sarà molto interessante ascoltare direttamente dalle aziende, Industrie, PMI e le loro esperienze, ma soprattutto qual è stato e qual è anche adesso il loro approccio alla situazione attuale lavorativa, con nuove soluzioni, strategie, proposte, prodotti e servizi, attraverso una presentazione mirata e la condivisione in share screening.

MODALITA’: Registrazione su Piattaforma ZOOM e condivisione sul portale www.progettoindustria.com, sul canale YouTube industriavideochannel, su Linkedin (community di oltre 3.100 contatti qualificati nei settori coinvolti), e sugli altri profili social.

SPECIFICHE NEL DETTAGLIO

Automazione – Analisi e Controllo – Impianti e ingegneria di Processo – Digitalizzazione (servizi e trasformazione nell’industria) – Bussiness Intelligence e Intelligenza Artificiale  – Industry 4.0Ingegneria  –  Industria di ProcessoOil& Gas e Movimentazione Fluidi (pompe e valvole) – Smart ManufacturingSmart WorkingSoftware Industriale  – Tecnologia & Strumenti.

COMUNICAZIONE DIGITALE

Comunicazione dell’Evento sul portale attraverso un grande banner in home page, dal quale l’utente potrà accedere direttamente per avere maggiori dettagli sull’evento digitale e sui banner delle aziende, cliccando su ciascuna azienda potrà inoltre trovare (ed eventualmente scaricare) schede di prodotto, video, post, o altro ancora che l’azienda vorrà appunto mettere on line, programmandoci in tempo utile. Verranno inoltre inviate periodicamente delle newsletter al database di oltre 14.000 nominativi qualificati di Progettoindustria.com.

Iscrizione gratuita per partecipare all’Evento online e avere maggiori informazioni scrivendo una mail a promozione@progettoindustria.com